Magie, Malie e Malocchio by Istituto Comprensivo Monte San Savino

Magie, Malie e Malocchio

By Istituto Comprensivo Monte San Savino

  • Release Date: 2014-05-27
  • Genre: Scienze sociali
Download Now
The file download will begin after you complete the registration. Downloader's Terms of Service | DMCA

Description

«SUPERSTIZIONE, complesso di credenze prive di fondamento razionale, caratteristiche di società culturalmente arretrate». Quest’anno, nel presentare alle classi il tema delle narrazioni, ho voluto leggere ai ragazzi la definizione che il «Devoto-Oli» fornisce in merito all’argomento prescelto. Pensavo, trattandosi di una chiarissima spiegazione, che non ci sarebbe stato molto da aggiungere. 
A parte una breve citazione che, pur ignorandone l’autore, volevo condividere con loro: «Le persone intelligenti non possono premettersi di essere superstiziose». 
Quindi, partendo da queste premesse e rafforzato nei miei convincimenti dall’autorevolezza di un prestigioso vocabolario, pensavo di aver spianato la strada alla razionalità del pensiero distruggendo sul nascere tutto ciò che non trovasse attuazione sul piano della concretezza. Devo dire che è successo esattamente il contrario. Almeno all’inizio, mi riferisco alla lettura delle prime bozze dei racconti, sembrava che superstizioni e scaramanzie prevalessero, ancora oggi, non solo sulla scienza ma sul comune raziocinio. 
Altro che complesso di credenze prive di fondamento come recita il Devoto – mi sono detto – qui ci sarà da lavorare! Tanto più che, come ogni anno, avevamo invitato i ragazzi a informarsi nel merito chiedendo notizie in famiglia.
E devono averlo proprio fatto se – come volevasi dimostrare – nei loro racconti i guaritori curano meglio dei medici e ad ogni specchio rotto, canto di civetta o sale versato, corrispondono puntuali disgrazie. Del resto non c’è da stupirsi. Di recente, su un quotidiano nazionale, ho letto che un italiano su cinque consulta maghi, medium e cartomanti e che l’esercito degli indovini è in crescita. 
Questo è quanto. Se poi «Magie, malie e malocchio», come recita il titolo di questa edizione, fanno ancora parte della nostra tradizione giudicatelo voi.
Buona lettura.

keyboard_arrow_up